Articoli


 RETTANGOLARI (26).png


BANDO TRANSIZIONE DIGITALE ED ECOLOGICA

 

Finalità: Sostenere la realizzazione di investimenti volti a favorire la transizione digitale ed ecologica delle PMI e promuoverne la competitività sui mercati esteri.

Tipo intervento: Contributo che copre il 100% delle spese, suddiviso in un 25% a fondo perduto (elevato a 40% per imprese con almeno una sede operativa al Sud) e 75% come finanziamento agevolato.

Allo stato attuale, il contributo copre il 100% delle spese preventivate, fino a € 300.000, tuttavia il contributo non può comunque superare il 25% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci depositati.

Durata delfinanziamento: 6 anni, di cui 2 di pre-ammortamento.

Scadenza: A esaurimento fondi

Destinatari: Tutte le società di capitali italiane con almeno due bilanci approvati, che abbiano un fatturato estero la cui media degli ultimi due esercizi sia almeno il 20% del fatturato totale, oppure pari almeno al 10% del fatturato totale dell’ultimo bilancio depositato.

Garanzie: è prevista l’esenzione totale dalla prestazione delle garanzie.

 

Spese ammesse:

Spese per transizione digitale (che dovranno rappresentare almeno il 50% delle spese ammissibili finanziate):

• integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali;

• realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale;

• investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali;

• consulenze in ambito digitale (i.e. digital manager);

• disaster recovery e business continuity;

• blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali);

• blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali);

• spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0 (es. cyber security, big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, simulazione e sistemi cyber-fisici, sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborative, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine).

Spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione (che dovranno rappresentare non più del 50% delle spese ammissibili finanziate):

• spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc);

• spese per internazionalizzazione (es. investimenti per singole strutture commerciali in paesi esteri, consulenze per l’internazionalizzazione, spese promozionali e per eventi internazionali in Italia e all’estero ecc);

• spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento, ivi incluso le eventuali spese per le verifiche di conformità agli Orientamenti tecnici della Commissione Europea (2021/ C 58/01) sull’applicazione del principio “non arrecare un danno significativo” (“Do no significant harm – DNSH) ai sensi dell’art. 17 del Reg. (UE) 2020/852

Nota importante: L’aspetto più interessante del bando è quello di poter finanziare l’acquisto mi macchinari a tecnologia avanzata, cumulando la presente agevolazione con il credito di imposta Industria 4.0.

 

 

 logo-CONFAPI-INDUSTRIA-PISA.jpg.png LOGO APITIRRENO SVILUPPO  logo fapiEBM LOGO  EBM LOGO SALUTE    logo cespim              logo fasdapi     Confapi Servizi

 

 

logo enfea  logo enfea salute    OPNC logo 1   opnm LOGO  logo fincredit confapi    logo fondapi  logo fondazione idi  logo fondo dirigenti pmi  logo pmi wfmanager.tif  logo previndapi            

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo